Logo
con il patrocinio di
La scuola si fa verde, più efficienza energetica in classe
Uno stanziamento di 350 mln e un accordo Enea-Struttura di Missione per l’Edilizia Scolastica della Presidenza del Consiglio per rendere più green le 40.000 scuole nazionali, a Cesena la prima scuola tutta verde italiana
CONDIVIDI
27/07/2015

Uno stanziamento di 350 milioni per interventi di efficienza energetica, di bonifica dall’amianto e controllo del rischio sismico, un format targato Enea che garantisce interventi efficaci e sostenibili e un “bollino verde” di qualità. Dopo la Buona Scuola, arriva la Scuola Green per avviare a livello nazionale un programma di riqualificazione energetica e messa in sicurezza degli oltre 40mila edifici a uso scolastico presenti sul territorio nazionale. E che le scuole italiane avessero bisogno di una forte dose di “energia verde” lo dice anche il Censis, che in una sua recente ricerca ha messo in luce che, a parte il degrado generalizzato degli edifici scolastici, ci sono ben 24.000 scuole con impianti elettrici e termici non funzionanti e 2.000 istituti che espongono 342.000 alunni al rischio amianto. Lo stanziamento di 350 milioni, messo a disposizione dal Ministero dell’Ambiente, arriva dal Fondo Kyoto, gestito dalla Cassa Depositi e Prestiti. I finanziamenti saranno concessi al tassoagevolato dello 0,25% annuo, per una durata massima di 20 anni, fino all’esaurimento della dotazione e le domande di concessione dovranno o essere inoltrate al Ministero dell’Ambiente e alla Cassa Depositi e Prestiti, entro le ore 17.00 del 22 settembre 2015. Per garantire la bontà degli interventi, è stato sottoscritto un Protocollo d’intesa fra la Struttura di Missione per l’Edilizia Scolastica della Presidenza del Consiglio e l’Enea. L’iniziativa si focalizza sugli interventi per la sostenibilità e l’efficientamento energetico degli edifici ma anche per la messa in sicurezza dal rischio sismico e la bonifica da amianto. In particolare, verrà creata una ‘task force Enea-ItaliaSicura’, ovvero una specifica struttura operativa costituita da tecnici e ricercatori altamente qualificati dell’Agenzia che proporrà alla Struttura di Missione i possibili modelli di intervento e le soluzioni tecnologiche, nonché i format per acquisire le informazioni necessarie per la valutazione dei progetti presentati (consumi, condizioni dell’immobile, elementi progettuali, costi etc.).Fra le novità più significative, una sorta di ‘bollino’ verde da parte di Enea a garanzia della qualità e dell’intervento proposto sotto il profilo tecnico-economico e di certificazione del risparmio energetico.  La ‘task force Enea-ItaliaSicura’ potrà inoltre supportare i soggetti interessanti nelle fasi di acquisizione dei finanziamenti e delle autorizzazioni, nonché nelle fasi realizzative, di collaudo e di gestione. Che l’Enea abbia un’esperienza ormai collaudata in tema di efficienza e risparmio energetico nelle scuole lo dimostra il fatto ha coordinato per l’Italia il progetto europeo School of the Future che ha avuto come obiettivo la riqualificazione energetica complessiva dell’Istituto T.M. Plauto di Cesena, uno dei primi esempi italiani di completa riqualificazione di edifici pubblici. Il progetto che prevede una spesa di circa 5 milioni di euro ha ricevuto un finanziamento di tre milioni e 473 mila euro dalla Ue. Gli interventi messi in campo hanno azzerato la bolletta della luce grazie all’installazione di un impianto fotovoltaico e abbattuto dell’80% i consumi termici con interventi di isolamento dell’involucro dell’edificio e l’installazione di una caldaia altamente efficiente. Negli oltre 40mila edifici ad esclusivo o prevalente uso scolastico, i consumi termici sono pari a 9,5 TWh/ anno e quelli elettricidi 3,66TWh/anno.

Commenta

*
*
*
*
EDITORE Primaprint srl - Costruiamo il futuro sostenibile della stampa in Italia
Via dell’Industria, 71 – 01100 Viterbo Tel. 0761 353637 Fax 0761 270097
Via Colico, 21 – 20158 Milano Tel. 02 39352910
Web Site: www.primaprint.it